Primo acquisto? Usa il codice WELCOME20 alla cassa per avere il 20% di sconto!

0

La tua borsa è vuota

From Dust Till Dust

April 05, 2018 3 minuto | tempo di lettura

From Dust Till Dust

Vernissage: Sabato 24 Marzo, 18.30 pm.

L’esibizione sarà’ aperta al pubblico dal 25 Marzo al 29 Aprile 2018 alla B#S Gallery (Vicolo Isola di mezzo 3/5, Treviso, Italy).

Orari di apertura: 10.30/18.30, from Dal martedì’ a domenica.


In mostra, opere di: Cosima Montavoci, Nathalie Vanheule, Angela Alexander-Lloyd, Stefano Zaratin, Remus Ilisie, Gio Montez, Bernard Aubertin, Clare Charnley

In occasione di questa mostra Cosima Montavoci rivisita la sua opera Vanitas creandone una nuova versione ‘Site Specific’ creando un’opera ancora più potente.

“Cenere, fuoco, terra sono gli elementi caratterizzanti della nuova mostra di B#S Gallery dal titolo “From Dust Till Dust”.

La sensazione è quella di essere avvolti da opere vibranti di vita che vanno ineluttabilmente verso la dissoluzione.

Lavori transitori, caduchi, specchi dell’esistenza umana. B#S torna ad indagare il concetto di vanitas e memento mori attraverso iconografie canoniche, come il teschio, ma riproposte in chiave contemporanea con materiali inediti.

Una materialità peritura è appunto ciò che contraddistingue le opere esposte, che portano necessariamente ad una riflessione sulla fragilità della vita e sul bisogno di conservarne memoria.

L’opera d’arte creata, solitamente, per durare nel tempo, qui al contrario si deteriora inesorabilmente sotto gli occhi di chi guarda; è un qualcosa difficile da catturare, da fermare attraverso una foto o un’immagine.
Questi lavori artistici costringono lo spettatore a guardare attentamente, poiché temporanei, transitori e per questo, a mio parere, si imprimono con maggiore forza nelle memoria. C’è una sorta di rieducazione dello sguardo, all’osservazione di un’installazione che è proprio specchio della nostra esistenza, che parla di noi.
L’arte esposta in “From Dust Till Dust” sembra parlare un linguaggio quanto mai comprensibile al pubblico, svelando e ponendoci davanti ad una verità semplice ed ineluttabile: l’impermanenza della vita.

(testo tratto da http://talesbyart.altervista.org/from-dust-till-dust/)

“In From Dust Till Dust, secondo appuntamento del ciclo, le iconografie di vanitas e memento morivengono riproposte in chiave cinetica. Accanto all’iconica immagine del teschio, riproposta con materiali inediti, perituri e organici, trovano spazio elementi materici di primitiva potenza: fuoco, cenere e terra. Protagoniste di una riflessione sull’ineffabile della vita (da vanus, letteralmente “vuoto”) e sulla necessità di preservarne memoria, le opere riecheggiano il ciclo vitale di distruzione e rinnovamento, ed invitano il visitatore a rispecchiarsi – letteralmente – ed immergersi in quel flusso dall’epilogo ineluttabile che è l’esistenza umana.

(…)

Il ciclo di mostre Vanitas

“Vanitas vanitatum et omnia vanitas”: La fragilità e la caducità dell’essere umano -storicamente oggetto iconografico in tempo di guerra- hanno trovato espressione anticamente nel Memento Mori romano, e poi nella simbologia della Vanitas del XVII secolo, alle porte della sanguinosa guerra dei trent’anni.

“Memento Mori” è una frase latina che ha origine da una particolare tradizione tipica della Roma antica: quando un generale, dopo un trionfo militare, sfilando per le strade raccogliendo gli onori dalla folla, era in pericolo di essere sopraffatto dall’orgoglio e da aneliti di grandezza, qualcuno veniva investito del compito di ripetere continuamente alle sue spalle la frase: “Guarda dietro di te Ricordati che sei un uomo”.
Questo rituale è stato inventato dagli antichi probabilmente per evitare il distacco dall’empatia e dal sentimento di umanità da parte delle persone potenti (decisori e condottieri) in un momento di guerra. È questo un modo antico per ricordare una necessità universale, che ci affligge anche in relazione ai conflitti contemporanei: la necessità di mantenere gli individui a contatto con le loro emozioni, impedendo l’oggettivazione degli altri esseri umani, che è invece una distorsione percettiva comune in guerra. Invece, “vanitas vanitatum”, espressione latina tratta dalla Bibbia, deriva da vanus, letteralmente “vuoto”, “transitorio” e, nella pittura, ha dato vita ad un’iconografia specifica per la rappresentazione del senso effimero della vita, ricorrente in nature morte, caratterizzata dalla presenza di oggetti e indicatori simbolici che alludono alla precarietà dell’esistenza e all’inesorabilità del trascorrere del tempo (teschi, orologi fermati, candele spente). Alla base di questo concetto, l’idea di transitorietà e caducità, che si concentra sulla natura effimera della vita. In una parola: l’impermanenza (l’impermanenza è infatti, secondo le filosofie orientali, “caratteristica di tutto ciò che vive”).
Si tratta di un’iconografia che nel corso del XVII secolo si è dedicata anche alla rappresentazione della fragilità, come metafora della vita.
L’origine e la diffusione dell’iconografia della Vanitas incorpora una nuova chiave (non esplicita né truculenta) nel rappresentare l’orrore della guerra che, non a caso, si è sviluppato con caratteri spirituali e simbolici quando l’Europa, afflitta dalla carestia, dalla guerra dei Trent’anni, dalla catastrofe mondiale che ha seguito la scoperta delle Americhe e dallo scisma religioso, ha sentito per la prima volta, in modo tragico, la non coincidenza tra ideologia (motivi religiosi che giustificavano il conflitto) e la realtà (la tragedia della guerra).

Nel contemporaneo, momento di transizione non privo di violenza, la rappresentazione della fragilità della vita umana restituisce nuovi significati grazie alle opere di artisti internazionali: opere pittoriche, video e installative che si rifanno ad un immaginario fortemente ancorato nella memoria collettiva, esplorando simboli antichi in chiave attuale.
Con materiali di volta in volta impalpabili o pesanti, con linguaggi tangibili o concreti, gli artisti invitando ad una riflessione suggestiva e simbolica sui concetti di memoria e di ricostruzione identitaria. Ne emergono rappresentazioni capaci di parlare di un’esperienza universale, comune a tutti gli uomini e percepita con forza in tempi difficili: la caducità della vita.

(testo tratto da: http://www.bsidewar.org/it/prossimi-eventi/from-dust-till-dust-mostra/)


Commenta

I commenti saranno moderati prima di apparire online.


Altri articoli di Blog

You’ve busted our boobs! Everyone united against gender gap
Ci avete rotto le tette! Tutti uniti contro il gender gap

April 24, 2019 4 minuto | tempo di lettura

È ora di mostrare gli attributi, quelli che più ci appartengono: non siamo donne cazzute, siamo DONNE TETTUTE.

Scopri di più
Temporary Store by Artistarjewels - DIN Design in 2019 @ Milano Design Week
Temporary Store by Artistarjewels - DIN Design In 2019 @ Milano Fashion Week

April 01, 2019 1 minuto | tempo di lettura

We'll showcase a limited selection of our collections at Temporary Shop by Artistar Jewels during the Milano Design Week!
Scopri di più
Artistar Jewels 2019: contemporary jewellery exhibition in Milan
Artistar Jewels 2019: Mostra di Gioielleria Contemporanea a Milano

March 01, 2019 1 minuto | tempo di lettura

Scopri di più sulla nostra partecipazione ad Artistar Jewels 2019, una delle più importanti manifestazioni di Gioielleria Contemporanea in Europa!

Scopri di più

Newsletter

Accetto i Termini, Condizioni Privacy Policy
20% off on your first order!